lavoro su di sè, perCorsi, Yoga

come praticare lo yoga al mattino

Praticare yoga al mattino è un buon metodo per creare le migliori condizioni di benessere per te e il tuo corpo. Il punto di partenza potrebbe essere l’esperienza “saluto al Sole” Una combinazione rituale di posizioni per riattivar l’energia individuale.

Il mio saluto al sole in occasione delle sessioni di Yoga dell’Istante spesso muove sorrisi e ilarità e questo mi piace!

Credo importante muovere i primi passi della giornata con il sorriso sulle labbra per questo giocosamente il mio saluto al sole è proprio un saluto… Ciaoooooo!

Breve video del mio saluto al sole lo troverete qui!!

Ora la parte seria dell’esperienza…:-))…cosa è il saluto al sole ?…una pratica…una serie di esperienze corpore che potremmo dire essere in grado di muovere ed attivare molti dei meridiani energetici del nostro corpo e i i nostri chakra conseguentemente. Portiamo cosi luce ed energia al nostro corpo riattivando quella luce e quell’energia che è già presente in noi…:-). Lo yoga al mattino potenzia tutto ciò.

 

saluto_al_sole

 

A volte il freddo  lo abbiamo dentro, a prescindere dalla stagione.

Un lutto, una ferita che riteniamo ci sia stata inferta… una separazione e  ci sentiamo abbandonati, soli, a disagio insomma con la vita.
La tristezza, l’introspezione, il raccoglimento …il corpo si raccoglie… Occasione di consapevolezza che permette di vedere e sentire le cose inutili che la nostra mente ha accumulato, per aprire, spalancare le porte al nuovo, al cambiamento, al prossimo ciclo che ricomincia.
Lo fa per preparare la rinascita che verrà….il nuovo ciclo della vita che si manifesta nell’apertura….nello spazio che creiamo spalancando le braccia al sole.

Il saluto AL SOLE

Il saluto al sole, o surya namaskara, é una pratica yogica molto antica ed è una sequenza dinamica.

12 dodici posizioniate che fluiscono come una danza per sostenere il nostro sole interiore images-1
Un benvenuto al giorno che sta nascendo, alla vita che scorre dentro di noi.

L’intento? di iniziarlo concentrati e consapevoli, in forza e in gratitudine.
Il gesto di questo saluto possiamo vederlo come un omaggio all’aspetto più elevato di noi stessi: lo spirito, intendendo il corpo come “luce solare condensata”….come espressione materiale della luce che siamo.

E’  un rituale alchemico magico che riprende e riflette tutta la potenza e l’energia del sole che nelle civiltà antiche veniva adorato e venerato come Dio. Il sole, il disco solare, in tutte le culture è sempre stato tenuto in importante considerazione per la sua energia manifesta cosi come la Luna per la sua complementarietà ed essenza introspettiva.

Se “leggiamo” il saluto al sole dal punto di vista simbolico, ogni gesto è pura poesia….noi siamo poesia.
Il movimento delle braccia come apertura, offerta, accoglienza…
Il piegamento in avanti verso il basso, accompagnato da un’espirazione, é un gesto di umiltà verso Madre Terra.
Un movimento verso l’alto e all’indietro é come una benedizione del cielo, baciati dal sole e dalla luce.

Il saluto al sole é considerato uno dei metodi più efficaci per conseguire una salute perfetta e per un risveglio energetico e spirituale….:-)

man standing in field

E il numero dodici?

… non é certamente casuale. La filosofia yogica era estremamente attenta alla scienza dei numeri.
Il dodici rappresenta la trinità in un’ottava maggiore e indica un grande livello di comprensione e saggezza.
Molti sistemi numerici antichi erano basati sul dodici: dodici sono le costellazioni, dodici i mesi dell’anno, dodici le ore in cui é suddiviso l’orologio, ecc…

I maestri yoga sostengono che il saluto al sole abbia un impatto psicologico profondo e importanti implicazioni spirituali perché stimola le energie sottili che conducono ad uno stato di consapevolezza superiore.
Dal punto di vista fisico, tramite questi movimenti morbidi e fluidi, tutte le articolazioni vengono sciolte e attivate in modo dolce. Il primo scopo evidente é quello di sostenere la consapevolezza del corpo e mantenerlo agile e flessibile.
I muscoli, i tendini e i legamenti del lato anteriore e posteriore del corpo vengono alternativamente mossi in una danza che vuole andare oltre la semplice distensione e contrazione e allungamento; respirazione, circolazione, sistema nervoso e ghiandole endocrine …una fluida stimolazione…

Tengo molto a questa esperienza fluida e consapevole ove l’intenzione è di evitare ogni sforzo e di godersi il movimento, il corpo e le emozioni che manifestano inuma fluire morbido di questa espressione di coerenza che offriamo alla vita stessa.

 

Claudia Poppi – Insegnante Yoga Certificato RYT 200 (RYT = Registered Yoga Teacher Insegnante Yoga Registrato, o meglio certificato).

Yoga dell’Istante

1

Lascia un commento