Gioia, lavoro su di sè, Risata

#maiunagioia è uscito dalla mia vita

Oggi ti racconto com’è successo che ho buttato il #maiunagioia fuori dalla mia vita. E andata così:
ho scoperto lo Yoga della Risata per caso (ammesso che il caso esista), grazie a Facebook. Mi ha attirato l’idea di una possibilità lavorativa diversa e i benefici concreti di questa attività. Ma in realtà non sapevo bene cosa aspettarmi e infatti al Leader Training per la prima ora mi sono chiesta cosa diamine ci facessi in quella gabbia di matti! come #maiunagioia è uscito dalla mia vita

Una vera gabbia di matti

Poi ho capito ed ho riso e da lì è nata la voglia di approfondire sempre di più e di portare questo metodo a quante più persone possibile. Credo di aver letto quasi tutti i libri in italiano sullo Yoga della Risata, alcuni li ho letti anche più di una volta e sono sempre più affascinata e convinta dei benefici derivanti dalla pratica della risata incondizionata.

Del resto, li ho sperimentati prima di tutto su di me: pian piano tanti dei miei spigoli si sono smussati, le Hasya scuola counseling Bolognarelazioni in famiglia sono migliorate, la gioia mi pervade e canto e ballo spesso, nei momenti difficili che sono capitati ho recuperato molto più rapidamente la fiducia nel miglioramento e la forza di sostenere chi ne aveva bisogno.

Ho perfino ripreso a fare l’albero di Natale e ho smesso di fare il Grinch!!

Parallelamente ho proseguito anche il mio percorso formativo come counselor e sono rimasta colpita dalle tante analogie che ci sono tra il counseling e lo Yoga della Risata: lo stare nel presente, la sospensione del giudizio, l’espressione delle emozioni, l’ascolto del corpo… si è rafforzata sempre di più in me l’intenzione di riunire il counseling e lo Yoga della Risata per farne uno strumento unico, semplice e potente, con cui entrare in relazione con i miei clienti e grazie al quale lavorare per il loro benessere.

come #maiunagioia è uscito dalla mia vita

Sempre il mio amico Caso (sì, quello che non esiste… ) mi ha portato a gironzolare in rete e ad approdare al sito di Hasya con il percorso SouLaugh: la mia idea di una figura professionale che lavora sul buonumore e sul benessere si è concretizzata davanti ai miei occhi!

Viviamo un tempo di paura, di rancore, di violenza trattenuta a malapena; giornali e televisioni fomentano questa negatività e le persone, perse nei loro smartphone, stanno perdendo la fiducia nell’essere umano e subiscono vite insoddisfacenti all’ombra dell’hashtag MAIUNAGIOIA. Hasya scuola counseling Bologna

Di cosa abbiamo bisogno oggi?

C’è bisogno di buonumore, di gratitudine, di gentilezza, di gioia e c’è bisogno di persone che portino avanti questi valori, che li vivano e li diffondano. E affrontare la vita col sorriso, sia chiaro, non significa essere superficiali o non rendersi conto delle difficoltà: significa piuttosto sapere che una via d’uscita c’è sempre, che a volte basta semplicemente guardare da un punto di vista diverso.

Inspiro buonUmore

La mia aspirazione personale e professionale è riportare il sorriso sui volti delle persone per innescare l’effetto farfalla: un semplice battito d’ala di una farfalla mette in movimento molecole che reagendo a catena provocano un uragano dall’altra parte del mondo. Cominciamo a cambiare noi per primi, consapevoli che ogni piccolo mutamento in positivo del nostro modo di essere si ripercuoterà a catena su chi ci sta intorno e così via fino a contagiare il mondo mondo con il buonumore e la risata!

 

Stefania Panelli

Docente del perCorso SouLaugh per vivere con gioia ogni momento della vita…anche quelli difficili!

0

Lascia un commento