lavoro su di sè, scuola counseling, Sessualità Sacra

Il piacere è sacro da tempi immemorabili


Il Piacere è sacro“, saggio a firma di Riane Eisler, pubblicato in Italia per la prima volta nel 1996 nella versione integrale con ristampa nel 2012, per fortuna diciamo in molti, è uno sei testi di riferimento dell’esperienza promossa da Hasya, con l’intento di muovere riflessioni e ascolti interiori rispetto a ciò che è e non è la sessualità, nel perCorso “Sessualità Sacra”, come occasione di riportare l’attenzione sul piacere!

La sessualità è comunque un contenitore ampio quanto ristretto contemporaneamente, che due secoli addietro è stato creato appositamente, secondo le conoscenze acquisite negli anni, finalizzato a catalogare e circoscrivere ambiti di movimento della vita intima delle persone. Il contenitore “sessualità” contiene tante informazioni scientifiche, teorie, convinzioni, regole di valutazione e studio dei corpi e dei genitali , delle parte erogene , ecc ecc.la sacralità del piacere

Questo contenitore fa da padrone da molto tempo nella nostra vita quotidiana attraverso un gergale e una accozzaglia di immagini stereotipate che fanno leva su presunti desideri sessuali.

Cosa ci sarà fuori da questo contenitore? Cosa potremmo scoprire uscendo dal contenitore? A cosa andiamo incontro esplorando mondi sconosciuti?

Potremmo incontrare il piacere!

Piacere, PiACERE! Stringiamoci la mano. Come? Vivendolo ed esplorandolo, anche in laboratori esperienziali e teorici in cui la sessualità entra nella sacralità dell’esperienza del piacere!

Tutto ciò passando anche attraverso la ri- lettura del libro di Riane Eisler.

Nel testo si indagano le  “modalità” di relazione tra i generi nei millenni addietro. Ove vigeva la “modalità” di ferocia e barbarie, come espressione di una società fondata sulla DOMINANZA, in contrapposizione a quella fondata sulla PARTNERSHIP: questi sono i due pilastri fondamentali su cui si basa l’analisi di Eisler, insieme a quelli di sessualità e spiritualità, la cui rappresentazione ha un impatto determinante sul tipo di famiglia, di educazione, religione ed economia che adottiamo.

Per sviluppare tali concetti-chiave, l’autrice imposta il lavoro in due parti:

  • Nella prima parte vengono messe a confronto immagini sessuali contemporanee (molto spesso brutali) e le antiche immagini erotiche osservando le tracce talvolta sorprendentemente ovvie di una spiritualità, una sessualità e una società lontane e molto diverse.
  • Nella seconda, si ci sposta nei tempi moderni per esaminare le attuali rivoluzioni sessuali e spirituali quale parte di una più ampia rivoluzione delle coscienze, che è a sua volta parte integrante dell’attuale lotta volta a creare un mondo meno doloroso e violento. (www.laima.it)

sessualità sacra e olistica

Anche noi di Hasya muoveremo passi in queste esplorazioni osservando credenze, convinzioni ed abitudini di genere e di come i generi si rapportino in relazione al piacere e a cosa porta tutto ciò.
Il corpo come strumento musicale per trasformare l’esistenza in una armoniosa vibrazione di piacere?

Se vuoi saperne di più sul Master in Sessualità Sacra contattaci!

 

1

Lascia un commento